La movida letteraria bolognese: tiriamo le somme

Dario Villasanta in occasione della sua 'prima' da relatore

Dario Villasanta in occasione della sua ‘prima’ da relatore

Ci sono modi e modi di presentarsi in una città.

Dipendono innanzitutto da come vuoi farti conoscere, poi da cosa desideri ottenere. In ultimo, ma non per importanza, da chi condivide con te dei progetti. Il bello è che io, di progetti, non ne avevo neanche mezzo, se non presentare una o due volte il mio libro, in questa Bologna che non vedevo da almeno vent’anni.

Questione di convergenze, di intraprendenza, qualcuno direbbe anche di ‘culo’. Sta di fatto che, senza quasi accorgercene, Giusy Giulianini e io abbiamo composto pian piano (beh, non troppo piano…) un calendario di presentazioni letterarie presso la Mondadori Megastore, libreria del centro storico tra le più prestigiose, che è stata subito ribattezzata (dalla blogger Babette Brown) ‘movida letteraria bolognese’. Non avrei mai pensato, andando avanti, neppure di debuttare come relatore, soprattutto quando al mio fianco brillavano personaggi ben illustri come la Cametti, o Giulio Perrone, o la veterana della ‘Monda’ Ornella Albanese (che divertimento quella presentazione con Gianluca Taliani, io poi che presento un romanzo rosa… è davvero inedito!).

Ornella Albanese e Dario Villasanta prima dell'evento

Ornella Albanese e Dario Villasanta prima dell’evento

Ho conosciuto personaggi di diversi tipi, ognuno a modo suo coinvolgente, come il noirista-ufficiale di Polizia Locale Massimo Fagnoni, o il lombardo Alessandro Reali (ah,  che sapore di casa nei suoi libri su Pavia…), ho rafforzato rapporti già esistenti, come con Mariel Sandrolini, Roberto Carboni e Valerio Varesi; e ho avvicinato, seppur marginalmente, la bravissima Grazia Verasani e altre figure gravitanti intorno al mondo che amo,cioè quello dei libri e dell’arte in  genere. Unico rimpianto: l’influenza che ha bloccato Simone Togneri, autore che ho da poco conosciuto e che tanto apprezzo.

Se devo però pensare a cosa ho ricavato da tutto questo, la prima cosa che mi viene in mente è che ho imparato. Imparato cosa vuol dire professionalità (da chi l’ha avuta), stile e umiltà e, cosa da tenere a mente, soprattutto dai più grandi, che hanno dimostrato di che pasta sono fatti davvero.

Sapete, parlare di umiltà e passione è una cosa, anche abbastanza facile e diffusa, a quanto vedo; ma la realtà è che poche volte è davvero chiaro il concetto che collaborando ci si avvantaggia tutti, molto spesso mi è sembrato che vendere libri interessasse più a me (che non ho guadagnato neanche una lira da tutto questo, tanto per intenderci, e non m’interessava: si è fatto per passione) che non a chi invece avrebbe avuto un ritorno diretto. Ecco, la lezione numero due è una nota dolente: offrirsi a titolo gratuito toglie, de facto, importanza e credibilità al proprio lavoro. Sembra incredibile, ma è così. E credo che, questa sia anche una delle tare della nostra cultura in senso generale, mare mosso dove pochi remano dalla stessa parte.

DSC_5368

Elisabetta Cametti e io

E poco m’importa che qualcuno storcerà il naso, se non l’ha già fatto, di fronte a due persone che di fatto sono dei mezzi ‘intrusi’ dell’ambiente editoriale, vale a dire la signora Giulianini e io: lei perché nella vita fa ben altro, io perché come autore sono ancora agli inizi. Ci siamo dati da fare, abbiamo ottenuto, a volte meglio di altre, dei risultati di vario tipo, e soprattutto dimostrato che tirare l’acqua tutti allo stesso mulino si può fare, non è difficile e funziona. Poteva farlo chiunque, ma l’abbiamo fatto noi, che piaccia o meno.

In mezzo a tutto questo, c’è stato l’arrivo a sorpresa di Tiziana Marongiu e della sua BellaVista, associazione no profit che organizza eventi culturali, a offrirci l’opportunità di testare le nostre attitudini in un ambito più performante e prestigioso: la messa in atto di un grosso evento in programma per marzo, oltre che darci il supporto del suo brand #tempodilibri, sotto la cui egida mandare avanti queste iniziative, magari con formule diverse, cercando di renderle sempre più accattivanti, il tutto dopo metà marzo del 2016.

Tengo poi a precisare una cosa: quando ho elargito pubblicamente complimenti ad autori/trici partecipanti all’evento, è stato per il semplice motivo che in precedenza avevo letto i loro libri, e mi sono piaciuti davvero, motivo per cui sono stati invitati. Preciso questo per allontanare ogni sospetto di ‘marchette’ da parte mia, che non sono nel mio stile e chi lavora con me, o parla con me di queste cose, questo lo sa senz’altro.

Io e Valerio Varesi

Io e Valerio Varesi

Non starò, infine, a dilungarmi nei ringraziamenti che sento di dover porgere a tutti coloro che, in una veste o in un’altra, hanno partecipato a questa entusiastica iniziativa: sono troppi. Menzione speciale doverosa però, per il blog www.babettebrown.it , che mi ha dato la possibilità di condividere con voi le tappe di questo percorso, e a Stefano Zanerini di QUIBOLOGNA TV, valore aggiunto per molti eventi. Di certo, tutti gli autori e i relatori, ma soprattutto le persone che hanno partecipato: sono state loro i veri protagonisti di tutto lo spettacolo, un ringraziamento speciale va senz’altro a loro. Sarà nostro piacere inviare a tutti una mail con le iniziative 2016, lasciando il vostro contatto nell’apposito modulo qui sotto. A bientot!

Dario Villasanta

Annunci

2 thoughts on “La movida letteraria bolognese: tiriamo le somme

  1. Pingback: La movida letteraria bolognese: tiriamo le somme | ilvillachescrive

  2. Pingback: Essere o non essere (uno scrittore)? Questo (non) è il problema… | ilvillachescrive

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...